ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Morte bin Laden: scetticismo tra i pakistani

Lettura in corso:

Morte bin Laden: scetticismo tra i pakistani

Dimensioni di testo Aa Aa

Non tutti in Pakistan credono che Osama bin Laden sia davvero morto. Nel Paese, la notizia dell’uccisione del nemico numero uno degli Stati Uniti suscita scetticismo. Molti non si fidano degli annunci ufficiali e dicono di volere prove concrete.

A Islamabad, qualcuno denuncia quella che definisce ingerenza nel territorio pakistano: “Nessuna forza esterna dovrebbe avere il diritto di entrare nel nostro territorio – dice un residente -. Ogni operazione condotta sul nostro territorio è contro la nostra sovranità. Non dovremmo permetterlo”.

Oltre agli scettici ci sono anche i pakistani che alla notizia della morte del leader di al Qaida credono. Ora, però, occorre cambiare rotta, dice un abitante di Karachi: “Ora che è stato ucciso, gli attacchi dei droni americani devono finire. Se il leader non c‘è più, vuol dire che la sua organizzazione è destabilizzata, quasi destabilizzata e l’America dovrebbe smettere di uccidere pakistani innocenti”.

Il governo di Islamabad parla di duro colpo al terrorismo internazionale. Ma dovrà fare i conti con i taleban, che hanno già minacciato rappresaglie contro i vertici pakistani.