ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Siria, l'esercito spara ancora per le strade

Lettura in corso:

Siria, l'esercito spara ancora per le strade

Dimensioni di testo Aa Aa

 
Nel cosiddetto “giorno della collera”, in Siria, manifestazioni si sono svolte in diversi punti del paese. E le forze dell’ordine, ignorando anche le condanne della comunità internazionale, continuano a sparare sulla folla, come testimoniano le drammatiche immagini girate da testimoni.
 
Sono ormai centinaia i morti, dall’inizio delle proteste cominciate il mese scorso nella città di Deraa: circa 5 cento, secondo un approssimativo conto sempre in via di aggiornamento. E oggi nell’obitorio di Deraa si conterebbero 83 corpi, tra cui anche quelli di donne e bambini, provocati dagli scontri degli ultimi 4 giorni.
 
Il fornte dell’opposizione chiede le dimissioni del presidente Bashar Al Assad, che rimane comunque al suo posto: e la folla non si accontenta delle generiche concessioni del governo. La gente, sfidando il piombo delle pallottole, grida “Dio è grande, andiamo a milioni verso Deraa, per essere tutti quanti martiri”.