ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Scontri al confine con la Tunisia. Tripoli rischia la crisi diplomatica

Lettura in corso:

Scontri al confine con la Tunisia. Tripoli rischia la crisi diplomatica

Scontri al confine con la Tunisia. Tripoli rischia la crisi diplomatica
Dimensioni di testo Aa Aa

Il tentativo di isolare i ribelli apre un nuovo fronte e spinge Tripoli sull’orlo di una crisi diplomatica con la vicina Tunisia.

Concentratisi nelle ultime ore al valico di Dehiba-Wazin, gli attacchi lealisti hanno portato gli uomini di Gheddafi a sconfinare.

Le scuse ufficiali non hanno soddisfatto Tunisi, che ha espresso “estrema indignazione” e denunciato la violazione della propria integrità territoriale.

L’offensiva di Gheddafi proseguirebbe intanto secondo i ribelli anche nella regione di Zintan.

Qui e altrove, il sentimento di molti è quello di essere stati abbandonati. A ormai più di un mese dall’intervento della comunità internazionale, c‘è chi si chiede disperato dove sia la Nato, dove siano i media e dove siano tutti. Appena poco fa, dice quest’uomo Gheddafi qui ancora bombardava.

Da Trapani Birgi sono intanto entrati in azione i primi caccia italiani, mentre gli istruttori inviati da Roma per formare i comandi operativi del Consiglio Nazionale di Transizione hanno raggiunto Bengasi.