ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Il commentatore Peter York: "Per il matrimonio reale Londra meglio di Hollywood"

Lettura in corso:

Il commentatore Peter York: "Per il matrimonio reale Londra meglio di Hollywood"

Dimensioni di testo Aa Aa

Lise Pedersen, inviata speciale per Euronews, incontra il commentatore Peter York, che segue la famiglia reale.

Lise Pedersen- euronews:
Qual è l’atmosfera per le strade di Londra di fronte a questo grande evento?”

Peter York, commentatore:

L’atmosfera per le strade… Le strade esultano e sono piene, assolutamente piene di stranieri. Praticamente non ci sono inglesi qui. Gli inglesi sono scontrosi, a loro non piace ammettere che pensano che ciò sia del tutto emozionante. A loro piace dirsi l’un l’altro: ‘Me ne vado in Uzbekistan, dappertutto ma via! Gli americani invece amano ciò, è come un’invasione Disney. E i cinesi lo amano, perché è tutto così differente da casa loro”.

euronews:

Quest’evento ha attirato un’enorme attenzione dei media e dei turisti. Ma cosa direbbe agli scettici e a quelli che mettono persino in discussione l’esistenza stessa della monarchia?”

Peter York:

Direi di continuare a ‘scetticare’ perché è perfettamente valido farlo, se questo verbo esiste. Ma nel frattempo ciò che personalmente trovo affascinante non è l’evento in se stesso, anche se un po’ lo è, ma il villaggio mediatico. Dietro c‘è più tecnologia che nell’intera Hollywood: più furgoni, più trucchi, più cose per fare immagini dall’alto. C‘è un’industria straordinaria ed è bello. Ci stiamo tutti godendo questo”.

euronews:

Questo evento che cosa ci dice dell’Inghilterra di oggi?”

Peter York:

Non dice molto effettivamente. Dice che di base la Gran Bretagna è una democrazia moderna, una monarchia costituzionale proprio come l’Olanda o le monarchie scandinave: in realtà è la stessa cosa. Ma noi abbiamo la nostra monarchia, l’estetica della nostra monarchia è differente, lo stile è molto diverso. Alla gente piace così e pensano: se hai una monarchia perché non ostentare?”.

euronews:

Ed è questo che vengono a vedere?

Peter York:

È questo che vengono a vedere, invece dei monarchi olandesi in bicicletta”.