ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

L'ombra di un kamikaze sull'attentato a Marrakech

Lettura in corso:

L'ombra di un kamikaze sull'attentato a Marrakech

Dimensioni di testo Aa Aa

Sarebbe stato un kamikaze a fare una quindicina di morti nel cuore di Marrakech. Le autorità marocchine accreditano la pista dell’attentato e parlano di almeno dieci stranieri fra le vittime. Sei di queste, conferma l’Eliseo senza specificare se si tratti di morti o feriti, sarebbero francesi. La Farnesina esclude al momento la presenza di italiani.
 
L’esplosione ha sventrato la terrazza del frequentatissimo bar ristorante Argana, quando i suoi tavolini sulla piazza Jemaa el Fna erano presi d’assalto da turisti e locali.
 
Divergenti le testimonianze degli avventori: alcuni parlano di un uomo che si sarebbe fatto esplodere, altri di uno sconosciuto che avrebbe depositato una bomba.
 
“C’era un odore strano – racconta uno di loro – e non abbamo capito se si sia trattato di gas o polvere da sparo. Abbiamo visto un’enorme esplosione, come quelle che si vedono nei film americani”.
 
Il bilancio, ancora provvisorio, è già il più grave dagli attentati di Casablanca che fecero 45 morti nel 2003.
 
L’arresto di esponenti integralisti aveva di recente portato a far registrare minacce da parte del braccio maghrebino di Al Qaida. La matrice islamica non è però al momento stata evocata dalle autorità.