ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Sanaa, repressa la manifestazione anti-Saleh

Lettura in corso:

Sanaa, repressa la manifestazione anti-Saleh

Dimensioni di testo Aa Aa

Almeno dodici morti e oltre cento feriti tra i manifestanti a Sanaa, la capitale yemenita. Il regime ha represso la manifestazione che contestava il piano di mediazione proposto dai Paesi del Golfo per l’uscita di scena di Ali Abdullah Saleh.

Le autorità hanno giustificato le violenze sostenendo che tra i dimostranti ci fossero uomini armati, secondo testimoni alla repressione hanno partecipato anche sostenitori del regime, usando pietre e bastoni.

Ricevendo i parlamentari del suo partito Saleh ha ribadito che “l’‘era dei colpi di stato è finita e che una transizione pacifica passa solo attraverso le urne”. Il pugno di ferro e la posizione ferma del presidente suscitano qualche dubbio sulla firma dell’accordo a breve, come annunciato, ossia domenica o lunedì a Riad in Arabia Saudita, tra opposizione e rappresentanti del governo.

La piazza rifiuta il piano perché concede a Saleh un mese dalla firma dell’accordo per lasciare il potere e accorda l’immunità a lui, alla sua famiglia e ai suoi consiglieri. Prevede la nomina di un primo ministro tra i membri dell’opposizione e un governo di transizione che organizzi le presidenziali entro i due mesi successivi.