ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Proteste anti nucleari 25 anni dopo Chernobyl

Lettura in corso:

Proteste anti nucleari 25 anni dopo Chernobyl

Dimensioni di testo Aa Aa

Un ponte sul Reno invaso da 100 mila manifestanti tedeschi e francesi nel giorno di Chernobyl, l’incubo nucleare di 25 anni fa risvegliato da Fukushima.

Obiettivo: rendere omaggio alle vittime e ribadire che la radioattività non conosce frontiere, a differenza di quanto si affermava all’epoca: “Qui c’era radioattività, là invece no”, spiega un attivista, “Così ci dicevano 25 anni fa”.

Manifestazioni importanti si sono avute anche davanti agli impianti tedeschi mentre Angela Merkel, che prima voleva prolungarne la vita, adesso annuncia un dibattito nazionale sul futuro dell’atomo.

Nonostante Chernobyl, sono nate altre 160 centrali, avverte in Austria, paese da sempre contrario al nucleare, il premier socialdemocratico che insieme alla Spd tedesca intende proporre un referendum a livello europeo.

E stop al nucleare hanno gridato a Tokyo migliaia di giapponesi in corteo davanti alla sede del gestore di Fukushima Tepco.