ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

I ribelli resistono a Misurata

Lettura in corso:

I ribelli resistono a Misurata

Dimensioni di testo Aa Aa

La città, 200 km a est di Tripoli, è stata sotto attacco da parte delle truppe fedeli a Gheddafi, che domenica l’hanno bombardata con l’artiglieria pesante. Le incursioni hanno seguito di un paio di giorni l’annuncio di ritirata delle truppe del Colonnello, che da due mesi assediano Misurata.

Gli oppositori affermano di aver respinto fuori dal centro i soldati. Ma non manca l’altro aspetto di questa guerra: la presenza di miliziani provenienti da altri paesi africani, pagati dal regime. Gli oppositori hanno fermato un uomo, forse proveniente dal Sudan, che confessa: “Ci hanno detto di stare qui e di uccidere tutti”.

Secondo testimonianze non verificabili dalla stampa internazionale, negli attacchi di domenica sarebbero morte 30 persone. Queste immagini amatoriali si riferiscono a quegli scontri.

La situazione nella città resta precaria, da settimane il conflitto armato ha qui picchi di intensità e di stasi. Ora i ribelli eslultano ma le vicende di questa città sono indissolubilmente legate a piu’ ampi scenari politico-militari, al momento anch’essi piuttosto incerti.