ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Chernobyl: 25 anni dopo, l'Ucraina chiede aiuto per mettere in sicurezza il reattore

Lettura in corso:

Chernobyl: 25 anni dopo, l'Ucraina chiede aiuto per mettere in sicurezza il reattore

Dimensioni di testo Aa Aa

Venticinque anni dopo, ancora si sa poco sulle conseguenze del disastro di Chernobyl, la più grave catastrofe nucleare della storia. Era il 26 aprile del 1986. Nel tentativo di quantificare con la maggior precisione possibile i danni, soprattutto per la salute umana e ambientale, e per capire che cosa debba ancora essere fatto, si sono riuniti a Kiev scienziati ed esperti di tutto il mondo.

“Siamo diventati i più competenti al mondo, nella stima delle conseguenze di una catastrofe nucleare. Ma non abbiamo abbastanza mezzi. Sappiamo il ‘che cosa’ e il ‘come’, ma non abbiamo i mezzi”

La comunità internazionale ha messo a disposizione dell’Ucraina 550 milioni di euro per finanziare la costruzione di un nuovo sarcofago, che isoli ciò che rimane della centrale. Quello attuale presenta inquietanti crepe. Dovrebbe essere pronto tra quattro anni, ma mancano ancora circa 200 milioni di euro.

“Siamo tutti sulla stessa barca, è scritto su questa barchetta di carta. Parole che risuonano come un appello degli organizzatori della Conferenza e delle autorità ucraine alla comunità internazionale. L’Ucraina, ma anche la Bielorussia e la Russia, non possono risolvere da sole tutti i problemi di ordine sanitario, medico ed ecologico legatio all’incidente di Cherbnobyl”