ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Sconfiggere l'analfabetismo

Lettura in corso:

Sconfiggere l'analfabetismo

Dimensioni di testo Aa Aa

L’analfabetismo è ancora considerato una delle sfide principali del ventunesimo secolo e alcuni governi prendono misure per ridurlo. E’ il caso del Mozambico. Ma non solo: anche il teatro può essere un mezzo per sconfiggere questo problema. Un problema molto serio nella capitale degli Usa.

- Mozambico, una campagna a favore delle donne

In Mozambico dove circa la metà della popolazione non sa leggere né scrivere, il governo prova ad aumentare il tasso di alfabetizzazione, in particolare quella delle donne. L’istruzione femminile è stata infatti trascurata, le donne si occupano solo della casa e dei bambini.

Il governo investe il due per cento del suo budget annuale in campagne di alfabetizzazione. Nel 1975, anno dell’indipendenza, il tasso di analfabetismo era del 93 per cento, oggi è sceso al 50. La first lady Maria da Luz Dai Guebuza è in prima fila nella raccolta di fondi e nel promuovere il diritto all’istruzione.

- Spagna, “ispirate” da Lorca

A Siviglia, in Spagna, un gruppo di donne rom ha migliorato il proprio livello di alfabetizzazione grazie al teatro. Ispirata da Lorca, Rocio Montero, che non sapeva né leggere né scrivere, è ora l’attrice principale di La Casa de Bernarda Alba.

Fino a un anno fa lei e le sue compagne vivevano nella miseria nel campo di El Vacie, a Siviglia, il più vecchio d’Europa. Grazie all’opera di Lorca hanno conquistato la scena spagnola. Quando non si sa leggere bisogna memorizzare. Pepa Gamboa, la regista, ha ripetuto loro il testo diverse volte. Un testo che arricchiscono con le loro esperienze personali.

- Usa, ripartire da zero

Washington DC, la capitale di uno dei Paesi più potenti al mondo, è nota per il suo tasso elevato di analfabetismo, oltre il 20 per cento della popolazione. Learning world ha visitato una delle più vecchie scuole per adulti, la Washington literacy council, fondata oltre 40 anni fa.

La maggior parte degli studenti sono afroamericani, maschi e di mezza età. In media leggono come un bambino di nove anni. Sono analfabeti funzionali: sanno riconoscere parole semplici, ma non sanno riempire una domanda d’impiego o leggere un giornale. Molti studenti hanno problemi di apprendimento, come la dislessia. Altri vengono da famiglie dove è frequente l’abuso di alcol e droghe. Questo Stato è tra i più poveri del Paese.