ULTIM'ORA

Lettura in corso:

Misurata: 2 fotoreporter uccisi


Libia

Misurata: 2 fotoreporter uccisi

La gravità della situazione a Misurata convince gli alleati a un salto di qualità nell’impegno affianco ai ribelli.

Italia, Francia e Regno Unito invieranno 10 istruttori militari a testa per preparare i combattenti anti-Gheddafi. E Parigi annuncia un incremento degli attacchi aerei.

Ma la giornata di ieri è costata la vita a due fotoreporter: il britannico Tim Hetherington e lo statunitense Chris Hondros che non è sopravvissuto alle ferite riportate.

“Eravamo tutti assieme in via Tripoli quando ci ha colpito un tiro di Rpg” racconta un collega spagnolo. “Stavamo giusto rientrando, spaventati dalla violenza della battaglia quando siamo stati colpiti”

E’ su via Tripoli che si concentrano gli scontri tra ribelli e lealisti a Misurata. L’ultimo messaggio inviato da Hetherington su Twitter prima di morire parlvava di “bombardaneti indiscriminati sulla città da parte delle forze di Gheddafi e dell’assenza della Nato”.

Intanto il porto di Misurata, dove attraccano navi con aiuti umanitari e per evacuare feriti e civili, resta la sola via di contatto della città col resto del mondo.

Ogni storia può essere raccontata in molti modi: osserva le diverse prospettive dei giornalisti di Euronews nelle altre lingue.

Prossimo Articolo

mondo

Abbas: "a settembre all'Onu per il riconoscimento della Palestina"