ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Marea nera: un anno dal disastro, Bp pronta a riprendere trivellazioni

Lettura in corso:

Marea nera: un anno dal disastro, Bp pronta a riprendere trivellazioni

Dimensioni di testo Aa Aa

Oltre 1.700 chilometri di coste e paludi inquinate, 6mila uccelli uccisi, 2mila volontari impegnati a rimediare al disastro.

Questa l’eredità lasciata un anno fa dalla marea nera che il 20 aprile invadeva il Golfo del Messico: lo scempio ambientale più grave della storia americana.

“Non c’era assolutamente alcuna evidenza del possibile disastro – sostiene Quenton Dokken della fondazione Golfo del messico – Su queste piattaforme non si era mai verificata una fuoriuscita così importante”.

Secondo Greenpeace si ridimensiona la portata dell’incidente. L’organizzazione ha messo in rete documenti riguardanti il disastro che erano in possesso del governo statunitense.

“Non ho visto pesci grandi, tranne uno forse – spiega Paul Sammarco del Consorzio marino della Louisiana University – Ho visto tanti piccoli pesci, questo naturalmente mostra una certa vivacità riproduttiva, ed è un bene. Ma è da notare che i pesci più anziani, più grandi, che solitamente rappresentano la parte più numerosa della popolazione marina, non erano lì”.

Per mesi circa 800 milioni di litri di petrolio hanno invaso il Golfo del Messico. La Bp ha già presentato domanda per riprendere le trivellazioni.