ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Chernobyl, dibattito a Kiev su sicurezza del nucleare

Lettura in corso:

Chernobyl, dibattito a Kiev su sicurezza del nucleare

Dimensioni di testo Aa Aa

Governi e associazioni internazionali hanno promesso 550 milioni di euro per la costruzione di un nuovo guscio con cui sigillare il reattore quattro della centrale di Chernobyl, esploso il 26 aprile 1986. La somma è inferiore rispetto a quella che sperava di raccogliere il governo ucraino, che tuttavia resta ottimista.

La commemorazione del venticinquesimo anniversario della tragedia è l’occasione per una riflessione sulla sicurezza del nucleare. Il Giappone, alle prese con l’emergenza in casa propria, ha sottolineato che l’incidente nucleare di Fukushima, pur essendo classificato allo stesso livello di quello di Chernobyl, ha avuto effetti meno devastanti.

Il segretario generale dell’Onu, Ban Ki Moon, ha ricordato che questi fatti devono fare riflettere a come si possa sfruttare l’energia nucleare garantendo al tempo stesso la massima sicurezza possibile, e ha sostenuto che l’intera questione richiede un profondo ripensamento.

Per i partecipanti alla conferenza dei donatori di Kiev è stata prevista una visita al museo di Chernobyl che raccoglie reperti e testimonianze del più grave incidente nucleare della storia. Il nuovo guscio per il reattore quattro dovrà rimpiazzare quello costruito dopo l’esplosione, che oggi non è più considerato ermetico.