ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Siria: Al-Assad promette riforme immediate

Lettura in corso:

Siria: Al-Assad promette riforme immediate

Dimensioni di testo Aa Aa

Andiamo verso riforme che risponderanno alle richieste dei manifestanti. Da subito, via allo stato d’emergenza in vigore dal ’63.

Lo ha promesso ancora il presidente siriano Bashar al-Assad davanti al suo nuovo governo, nel suo secondo discorso dall’inizio delle proteste senza precedenti esplose in tutto il paese: “Al più tardi, lo stato di emergenza terminerà la prossima settimana. Se possibile questa settimana, ma la settimana prossima è sicuramente l’ultima”.

E ancora, il capo di stato parla di complotto: “La cospirazione esisterà sempre fintanto che la Siria opererà e prenderà decisioni in piena autonomia. La Siria si sta comportando in un modo che non piace. Quando si hanno nemici, bisogna aspettarsi la cospirazione, come quella che ci circonda”.

Al-Assad si dice infine triste per le centinaia di vittime:

“Provo dolore per ogni persona uccisa e ferita. Dio può dare alle famiglie la pazienza e noi li consideriamo come martiri, siano essi civili o della polizia o dell’esercito”.

Un discorso preceduto e incalzato da un’ennesima manifestazione a Deraa, nel sud del paese.

E anche venerdì, decine di migliaia di siriani sono scesi in piazza per chiedere la fine di un regime lungo 48 anni che non rinuncia a usare le maniere forti.