ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Libia: scontri a Misurata, forse bombe a grappolo

Lettura in corso:

Libia: scontri a Misurata, forse bombe a grappolo

Dimensioni di testo Aa Aa

Scontri sono ancora in corso a Misurata, dove nelle ultime ore le forze fedeli a Gheddafi avrebbero sparato almeno 100 missili grad, secondo gli insorti. Non vi sarebbero vittime. Sarebbe stata bersagliata una zona industriale, nell’immediata periferia della città.

Si spara anche a Brega e in altre località, ma a preoccupare la comunità internazionale sono soprattutto le informazioni in arrivo da Misurata, anche se difficilmente verificabili.

Human Rights Watch oggi ha detto che in nottata sarebbero state usate almeno cinque bombe a grappolo, che sarebbero state sparate da un mortaio da 120 millimetri. Si tratterebbe, secondo quanto riferiscono testimoni sul posto, di gusci da mortaio MAT-120, prodotti in Spagna nel 2007, un anno prima che il Paese firmasse la convenzione che bandisce quelle armi.

Da Misurata chi può parte: per ora i combattimenti non toccano il porto, dal quale nelle ultime ore è partita una nave con 1.200 persone dirette a Bengasi.