ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Gaza: ucciso il pacifista italiano

Lettura in corso:

Gaza: ucciso il pacifista italiano

Dimensioni di testo Aa Aa

L’hanno ucciso: Vittorio Arrigoni, il pacifista italiano rapito ieri da un gruppuscolo salafita nella striscia di Gaza, è stato trovato morto all’alba di oggi.

Il pacifista 36 enne, originario del lecchese – soffocato, forse impiccato – è stato trovato in un appartamento nel quale gli uomini delle brigate Ezzedin al Qassam – braccio armato di Hamas – avevano fatto irruzione: in precedenza erano state fatte delle retate negli ambienti salafiti di Gaza, e uno degli arrestati aveva indicato il luogo della prigionia.

Arrigoni, che viveva a Gaza da circa tre anni, faceva volontariato per la popolazione palestinese, ed era stato più volte fermato dalle autorità israeliane per la violazione del blocco imposto sulla striscia di Gaza.

Il portavoce del governo di Hamas ha confermato la morte, che sarebbe avvenuta alcune ore prima del blitz:

“Il governo palestinese condanna questo crimine odioso, che contraddice le nostre abitudini e le nostre tradizioni, e confermiamo che continueremo a dare la caccia a tutti i membri di questo gruppo, li arresteremo ed agiremo contro di loro secondo la legge”

A dare la notizia del rapimento era stata un’amica italiana, a sua volta avvertita da alcuni amici palestinesi, che non riuscivano più a contattare Arrigoni sul suo cellulare. Una notizia cui era molto difficile credere, perché si trattava di un grande amico dei palestinesi:

“Lui sentiva che questa era casa sua. Voleva andare a casa a trovare suo padre ma nello stesso tempo non voleva allontanarsi da qui, con l’escalation recente voleva restare qui, nel caso fosse successo qualcosa. Non posso credere che sia successo questo”

Il sequestro era stato rivendicato dalla brigata Mohammed Bin Moslama, un gruppo semi-sconosciuto della galassia salafita che si rifà a Osama Bin Laden. Il gruppo aveva chiesto la scarcerazione di alcuni suoi uomini, detenuti nelle carceri di Hamas, entro le trenta ore, che sarebbero scadute alle 16 di oggi. ma l’ostaggio è stato ucciso molto prima.