ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Il BRICS: evitare l'uso della forza in Libia

Lettura in corso:

Il BRICS: evitare l'uso della forza in Libia

Dimensioni di testo Aa Aa

Evitare l’uso della forza in Libia. È il messaggio che inviano i 5 paesi del gruppo BRICS, riuniti sull’isola di Hainan, in Cina. La Cina dunque, il Sudafrica, il Brasile, l’India e la Russia si dicono profondamente preoccupati per gli avvenimenti in Medioriente e Nordafrica. Una dichiarazione comune che smussa le divergenze. Due dei cinque paesi, la Cina e la Russia, membri permanenti del Consiglio di sicurezza dell’ONU, si sono astenuti in occasione del voto sulla risoluzione che ha autorizzato l’intervento, mentre il Sudafrica aveva approvato i bombardamenti:

“Le rivolte e le guerre in corso in medioriente e in nordAfrica creano problemi alla stabilità regionale. Ci vorrà tempo prima di ottenere pace e prosperità nel mondo”.

L’opinione del BRICS conta perché questi paesi rappresentano, nel loro insieme, il 40% della popolazione mondiale e, soprattutto, il 18% del prodotto interno lordo del pianeta. La Cina, per esempio, è ormai la seconda economia mondiale e detiene una larga fetta del debito statunitense.