ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Usa, si cerca un accordo in extremis sul Bilancio 2011

Lettura in corso:

Usa, si cerca un accordo in extremis sul Bilancio 2011

Dimensioni di testo Aa Aa

Proseguono a tappe forzate le trattative tra la Casa Bianca e i leader del Congresso degli Stati Uniti per giungere in extremis a un accordo sulla legge di bilancio 2011. La mancanza di una una intesa entro la mezzanotte porterebbe alla chiusura immediata di importanti servizi pubblici.

Il senatore democratico Harry Reid, dopo aver parlato al telefono col presidente Obama, ha rinnovato gli sforzi del suo gruppo per un accordo, non senza rinunciare ad accusare i repubblicani di sottrarsi all’intesa con l’intenzione di favorire la sanità privata.

Accusa respinta dal repubblicano John Boehner, speaker della camera, per il quale l’intesa non è ancora stata raggiunta “perchè la sola prospettiva su cui discutere è la spesa pubblica”.

I democratici si dicono pronti ad accettare una riduzione della spesa di 38 miliardi di dollari, mentre i repubblicani chiedono altri tagli per 6,5 miliardi.