ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Volo Rio-Parigi: localizzati resti aereo e corpi, entro un mese recupero

Lettura in corso:

Volo Rio-Parigi: localizzati resti aereo e corpi, entro un mese recupero

Dimensioni di testo Aa Aa

Potrebbe iniziare tra meno di un mese il recupero dei corpi delle vittime e dei resti del volo Air France Rio-Parigi precipitato nel 2009 al largo del Brasile. Una parte importante del velivolo, un grosso troncone della fusoliera, è stata localizzata, e la speranza è quella di trovare le scatole nere, come ha spiegato in una conferenza stampa a Parigi Jean-Paul Troadec, il capo della commissione d’inchiesta francese che indaga sull’incidente. Resta da capire se siano rimaste attaccate alla fusoliera, dopo quasi due anni su un fondo sabbioso e a quasi 4 chilometri dalla superficie.

I parenti delle vittime hanno accolto con incredulità la notizia di questa nuova scoperta: “Quando estrarranno i corpi sarà doloroso. In tutto questo tempo, abbiamo avuto la convinzione che i corpi sarebbero rimasti sott’acqua, che quello sarebbe stato il loro universo. Dunque, in questa nuova fase, se estraggono i corpi, sarà difficile per noi, ma forse ci permetterà anche di superare più in fretta il lutto”.

Fino ad ora, solo una cinquantina di corpi delle 228 vittime sono stati recuperati. Il primo giugno del 2009, l’Airbus A330 della Air France stava effettuando il volo tra Rio de Janeiro e Parigi quando precipitò poco dopo il decollo. La causa ufficiale resta incerta. Ci sono solo alcune ipotesi, come un malfunzionamento del sensore di velocità montato da Airbus, sotto inchiesta, insieme a Aifrance, per disastro colposo. Le scatole nere potrebbero essere l’ultima speranza per chiarire cosa avvenne quel giorno.