ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Souto Moura nell'Olimpo dell'architettura. Il Pritzker torna in Portogallo

Lettura in corso:

Souto Moura nell'Olimpo dell'architettura. Il Pritzker torna in Portogallo

Dimensioni di testo Aa Aa

Piramidi tronche perfettamente integrate nel paesaggio che le circonda. La Casa das Historias della pittrice Paula Rego è un emblematico biglietto da visita di Eduardo Souto Moura.

Un esempio di linee e forme, che hanno consentito al cinquattottenne allievo di Alvaro Siza di seguire le orme del proprio maestro e riportare in Portogallo il Pritzker Prize, il più alto riconoscimento internazionale nel campo dell’architettura.

“Sono molto contento – commenta Souto Moura -, ma mi piace considerarlo come un riconoscimento alla qualità, piuttosto che alla quantità. Un incoraggiamento per tutti coloro che hanno lavorato con me, gli ingegneri che mi hanno sostenuto e anche tutti i giovani architetti, quella della nuova generazione, che la crisi sta spingendo a lasciare il Portogallo. Spero che per tutti loro questo Pritzker Price possa essere un incentivo”.

Tra le sue opere più note lo stadio di Braga, nel nord del Portogallo. “Monumentale e muscolare, ma perfettamente a suo agio con il paesaggio” la definizione che la giuria del premio ha dato a questa struttura, ricavata da un’ex cava di granito. Forme semplici, linee distese e accuratezza nei dettagli con cui Souto Moura si è affermato a pieno titolo come portabandiera della scuola di Porto.

Natura e cultura i poli tra cui spazia la sua opera: estremi che i volumi si propongono di sposare con una costante ricerca dell’integrazione, all’insegna di una cultura del progetto, che gli è ora valsa l’accesso all’Olimpo dell’architettura, accanto a nomi come quelli di Frank Gehry, Oscar Niemayer e del nostro Renzo Piano.