ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Francia e Usa inviano tecnici specializzati in Giappone

Lettura in corso:

Francia e Usa inviano tecnici specializzati in Giappone

Dimensioni di testo Aa Aa

I due paesi con il maggior numero di centrali al mondo, Francia e Stati Uniti, corrono in soccorso del Giappone. I primi tecnici sono partiti per cercare di pompare via l’acqua radioattiva fuoriuscita dagli impianti, mentre il plutonio, rilevato nel suolo, ha allertato ulteriormente la popolazione.

Sono instabili ireattori 1, 2 e 3 di Fukushima Daiichi. Anche le barre di combustibile contenute all’interno sono state danneggiate. Ed è lì che si sono verificate fughe di acqua contaminata, specialmente al reattore numero due.

Il premier giapponese sta valutando l’estensione della zona di evacuazione da un raggio di 20 a trenta chilometri.

“La mia maggiore preoccupazione è se riuscirò a tornare a casa o no, e se tornando a casa, sarò in grado di ritornare alla mia vita. Sono anche preoccupata per lo stress che la mia famiglia e le persone evacuate che conosco stanno subendo. Non sappiamo quando la situazione si normalizzerà e per noi potrebbe non esserci più un futuro in città”.

70 mila persone hanno già abbandonato le proprie case, diventerebbero 130 mila se l’area rossa venisse estesa. Il terremoto e il maremoto dell’11 marzo hanno causato il maggiore incidente nucleare da Chernobyl, nell’86.