ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Costa d'Avorio, avanzata delle forze d'opposizione

Lettura in corso:

Costa d'Avorio, avanzata delle forze d'opposizione

Dimensioni di testo Aa Aa

In Costa d’Avorio guadagnano terreno i partigiani di Alassane Ouattara, che hanno aperto due nuovi fronti nell’est e nell’ovest del Paese. Il conflitto con le forze di Laurent Gbagbo si è riaperto qualche mese fa dopo che il presidente uscente ha rifiutato di riconoscere la vittoria del rivale nelle elezioni di novembre, nonostante le richieste della comunità internazionale.

Nell’est gli oppositori hanno attaccato la città di Laodiba, vicino al confine col Ghana. A ovest dicono di aver preso il controllo di Duékoué, crocevia strategico che aprirebbe loro la strada verso le regioni del sud-ovest, dove si produce il cacao che rende la Costa d’Avorio il primo esportatore al mondo. Sarebbe la quinta città conquistata dai sostenitori di Ouattara. L’avanzata mira anche a sigillare la frontiera con la Liberia per evitare l’ingresso di miliziani stranieri reclutati da Gbagbo.

Tra le due coalizioni si colloca una terza milizia, invisa ad entrambe: i “commando invisibili”, che controllano alcune zone di Abidjan, capitale economica del Paese.

Il conflitto ha già provocato centinaia di morti e un milione di sfollati.