ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Libia, raid su Tripoli e Sirte

Lettura in corso:

Libia, raid su Tripoli e Sirte

Dimensioni di testo Aa Aa

Almeno una decina di esplosioni ha scosso Tripoli in serata, mentre in cielo sono riapparsi i tracciati della contraerea.

Intanto, dopo giorni di discussioni tra i Paesi che partecipano alle operazioni militari, il comando è passato alla Nato. Una svolta che potrebbe far allargare la coalizione.

L’Alleanza Atlantica promette di limitare il proprio obiettivo alla protezione dei civili, ma gli attacchi aerei sembrano già aver ribaltato i rapporti di forze sul terreno, dove i ribelli avanzano da est e i militari di Gheddafi battono in ritirata.

Oltre alla capitale, i raid si concentrano anche intorno a Misurata e a Sirte, altro luogo simbolo del potere. Il regime lamenta che i bombardamenti stanno provocando vittime civili.

Mussa Ibrahim, portavoce del governo, afferma: “L’Occidente e la Nato si sono schierati da una parte in questa guerra civile. Ciò è illegale, non autorizzato dalla risoluzione del Consiglio di Sicurezza, e immorale.”

La penuria di carburante costringe i residenti di Tripoli a lunghe code davanti ai distributori. Gli abitanti della capitale, siano essi sostenitori di Gheddafi o costretti dalla paura a sembrarlo, devono inoltre far fronte a problemi ancora più seri, dato che anche il pane scarseggia.