ULTIM'ORA

Lettura in corso:

Piano italo-tedesco per la Libia


Libia

Piano italo-tedesco per la Libia

L’Italia non intende cedere il controllo politico delle operazioni in Libia alla regia franco-britannica. Vengono al pettine i nodi di una coalizione spaccata ancor prima di intervenire sul campo.

Il ministro degli esteri Franco Frattini ha annunciato un piano alternativo da presentare insieme alla Germania in occasione della prima riunione, martedì a Londra, dei dodici paesi intervenuti in Libia. Il piano Italo-tedesco prevede l’esilio per Gehddafi, un cessate il fuoco, un corridio umanitario permanente e più diritti alle tribù. Ecco la risposta del Ministro dell’Informazione libico agli sforzi diplomatici stranieri:

“Siamo la sola parte in conflitto ad aver annunciato di essere pronta a una soluzione politica. I paesi occidentali si sono rifiutati di sedere al tavolo delle trattative con noi. Ci hanno bombardato perché è più conveniente per le economie occidentali . Quello che l’Occidente vuole dalla Libia non è la democrazia, ma il petrolio”.

E’ impensabile, ha detto Frattini, che Gheddafi venga lasciato al potere, aggiungendo che l’Unione Africana e alcuni membri del regime stanno facendo pressione affinché il Colonnello se ne vada.

Prossimo Articolo

mondo

Assistenza al lavoro per le vittime dello tsunami giapponese