ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Summit Ue: slitta la decisione sul fondo salva stati

Lettura in corso:

Summit Ue: slitta la decisione sul fondo salva stati

Dimensioni di testo Aa Aa

L’economia europea stenta a riprendersi e intanto slitta a giugno la decisione su come portare a 440 miliardi di euro la capacità finanziaria

dell’attuale Fondo salva-Stati della zona euro.

Un’intesa definitiva era attesa per domani al vertice dei 27 , che si riuniranno a Bruxelles.

Il via libera all’intero pacchetto anticrisi, gia’

sdoganato in sede Ecofin, sembrava cosa fatta, ma alcune resistenze, come quelle dei tedeschie finlandesi, hanno consigliato prudenza.

Resta in particolare da individuare i mezzi attraverso cui arrivare ai 440 miliardi di euro e quale dovrà essere il contributo dei singoli stati dell’Eurozona.

Da qui a giugno si deciderà anche del meccanismo permante che dovrà essere finanziato con 700 miliardi di euro, così da essere in grado di poterne prestare almeno 500 miliardi.

Sul tavolo della discussione anche il patto per l’euro con cui gli stati membri si impegnano a riformare le proprie economie, a limitare il debito pubblico e a praticare la moderazione salariale.

Le misure non piacciono ai sindacati europei che le giudicano antisociali e che per domani hanno convocato una manifestazione a Bruxelles.

Sul tavolo dei 27 anche la crisi libica, che ha diviso profondamente gli Stati membri.

Mercoledì l’Unione ha congelato gran parte degli averi del settore petrolifero di Gheddafi .

D’attualità anche il nucleare, energia considerata come alternativa dalla Commissione europea ma che continua a sollevare critiche e perplessità dopo la nuova catastrofe in Giappone.