ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Liz Taylor, una vita tra successi ed eccessi

Lettura in corso:

Liz Taylor, una vita tra successi ed eccessi

Dimensioni di testo Aa Aa

Elizabeth Taylor, la diva dagli occhi viola, la Venere in Visone, la barbablu in gonnella, l’ottava meraviglia del Mondo… Liz Taylor e’ Hollywood, oltre che Cinecittà, quando gli americani venivano a girare a Roma.

Nata nel ’32 a Londra da genitori americani, nel ’40 è già a Los Angeles: prima di “Cleopatra” ha già girato trenta film, da “Torna a casa Lassie” a “Il Padre della Sposa”, da “Un posto al sole” a “Il Gigante”, da “Improvvisamente l’estate scorsa” a “La Gatta sul tetto che scotta”. E’ sul set faraonico di Cinecittà che scoppia la grande passione per Marco Antonio-Richard Burton, suo quarto e quinto marito.

Icona senza pari del melodramma, la sua vita è un melodramma: luci e ombre, rovine e rinascite, lutti e gioie, diamanti e malattie, onori e disgrazie: decorata dalla Regina Elisabetta nel 2000, due volte premio Oscar, nel ’61 e nel ’67, la vita della Taylor è stata come le montagne russe: sempre piu’ in alto sino alla fine degli anni Sessanta, poi la caduta, i problemi di salute, la bulimia, una tracheotomia, le polmoniti, il tumore al cervello, il cancro alla pelle, le insufficienze cardiache… Ma Liz è donna generosa: l’aids, che le porta via tanti amici di Hollywood, la vede mobilitarsi su tutti i fronti. Crea per esempio l’AmfAR per la raccolta di fondi a favore della ricerca e dei malati.

Quando la salute glielo permette, Liz gira il mondo per difendere la sua causa, convolgendo le piu’ grandi star del Pianeta.

“Sono qui per parlarvi non da attrice ma da portavoce di quanti vivono con l’aids. Vi parlo a nome del bambino in punto di morte in un Paese del terzo mondo, a nome del tossicodipendente delle nostre città, a nome della prostituta delle zone degradate. Vi chiedo di aiutare quanti non possono far sentire la loro voce. “

Attrice enorme in “Chi ha paura di Virginia Woolf”, di una bellezza mozzafiato quando usciva dall’acqua col costume da bagno bianco in “Improvvisamente l’estate scorsa”, sicuramente la sposa piu’ bella nella classica commedia di Minelli con Spencer Tracy, Liz Taylor è la leggenda dei tanti mariti, tanti carati, tanti profumi, tanti chili, tanti scandali, tante emozioni, tanti film indimenticabili.