ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Giapponesi in fuga da Toyko

Lettura in corso:

Giapponesi in fuga da Toyko

Dimensioni di testo Aa Aa

All’aeroporto di Haneda, le code sono sempre più lunghe. Famiglie intere cercano di lasciare Tokyo per paura che la radioattività superi i livelli di sicurezza, e per timore di nuove scosse sismische. In molti arrivano senza un biglietto, nella speranza di trovare un posto su un volo che li possa portare fuori pericolo: “L’elettricità è razionata, la ricaduta radioattiva fa paura – dice una donna -. Dicono che le radiazioni raggiungeranno Tokyo. Ho dei bambini e ho paura che vengano a contatto con le radiazioni”.

Molti eventi in programma nella capitale sono stati cancellati. Parecchie scuole restano chiuse. Tanti centri commerciali e negozi chiudono in anticipo, alcuni a causa di scaffali che si stanno svuoltando. “È tutto diverso – dice un taxista di Toyko -. Le insegne sugli edifici non sono illuminate, fa buio”.

Dai quartieri con i negozi alla moda, alle vie dell’elettronica i pannelli pubblicitari iniziano a spegnersi in anticipo, e non illuminano più a giorno una delle più popolose metropoli al mondo.