ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Giappone, si mobilita la comunità internazionale

Lettura in corso:

Giappone, si mobilita la comunità internazionale

Dimensioni di testo Aa Aa

Scatta la solidarietà internazionale per il Giappone che tra nuove scosse affronta il dopo terremoto e tsunami.

In partenza dall’Europa e dal mondo, gli specialisti in soccorso e ricerca si affiancano ai 100 mila soldati mobilitati da Tokyo in un piano di salvataggio senza precedenti.

Dalla Germania, un team di esperti e 12 tonnellate di aiuti umanitari: “Siamo ovviamente nervosi ma positivi”, spiega Georgia Pfleiderer, “Ci siamo allenati per questo tipo di lavoro, sappiamo cosa dobbiamo fare e ora abbiamo la possibilità di aiutare le persone in Giappone, così siamo nervosi, ovviamente, ma abbiamo un buon feeling”.

Una missione non certo esente da rischi, tra assestamento ed emergenza nucleare: “Siamo in grado di valutare la situazione”, dice Daniel Riedel. “Ci fidiamo del nostro centro operativo che ha dato il via libera. Il rischio è accettabile. Siamo stati ben addestrati per anni. È il nostro lavoro, lo faremo”.

Trenta le squadre messe a disposizione dall’Onu. Sul posto, ci sono già i soccorritori della Corea del Sud e della Nuova Zelanda.

Da Washington, la cui flotta è arrivata subito in zona, equipe specializzate in emergenza e due esperti nucleari.