ULTIM'ORA

Lettura in corso:

Legittimità al Consiglio dei ribelli. Parigi spiazza Bruxelles


Redazione di Bruxelles

Legittimità al Consiglio dei ribelli. Parigi spiazza Bruxelles

Fuga in avanti della Francia, che per prima riconosce il Consiglio Nazionale di Transizione come “unico rappresentante legittimo del popolo libico”. Colta impreparata e costretta a inseguire, la numero uno della diplomazia europea Catherine Ashton, affida la replica di Bruxelles al ministro degli esteri portoghese Luis Amado.

“Il regime di Gheddafi è finito – il suo commento -. Dal punto di vista della sua legittimità è finito. Dobbiamo avviare un dialogo con l’opposizione a Tripoli e lavorare affinché si arrivi a un cessate il fuoco nei tempi più brevi possibili”.

Sul “come”, i Ministri degli esteri dei 27 riuniti a Bruxelles sulla crisi libica appaiono però ancora divisi.

“Non vogliamo restare impelagati in una guerra in Nord Africa – la posizione del tedesco Westerwelle -. Quanto vogliamo è la libertà”.

Fare tutto il possibile per porre fine alle violenze sui civili in Libia, il solo imperativo finora condiviso da Nato e Unione Europea.

“E’ fondamentale mantenere la pressione ed essere chiari su che genere di misure adottare – dice Catherine Ashton -, per quale motivo e chi sia nella posizione migliore per farlo”.

Interrogativi, venerdì in testa all’agenda del vertice dei Capi di stato e di governo dell’Unione in programma a Bruxelles.

Ogni storia può essere raccontata in molti modi: osserva le diverse prospettive dei giornalisti di Euronews nelle altre lingue.

Prossimo Articolo

Redazione di Bruxelles

Salari e inflazione, dilemma al vertice dell'eurozona