ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Gheddafi show a Tripoli. Tentennamenti Usa su no-fly zone

Lettura in corso:

Gheddafi show a Tripoli. Tentennamenti Usa su no-fly zone

Dimensioni di testo Aa Aa

Ha lasciato nove ore i giornalisti in attesa di una conferenza stampa che poi non si è svolta, all’hotel Rixos di Tripoli. Mentre il Colonnello Gheddafi dispensa alla comunità internazionale la sua nota eccentricità, la comunità internazionale tentenna sul da farsi. E la ragione è evidente: la creazione di una no-fly zone – come ha chiesto a più riprese la ribellione – implica un impegno militare che pochi sono desiderosi di avviare. Stati Uniti per primi.

“Vogliamo agire solo con l’accordo internazionale, è fondamentale” ha detto il Segretario di Stato Clinton. “Ritengo sia importante che non siano gli Stati Uniti a guidare un intervento perché quel che accade viene dal popolo libico e da nessun altro”.

Vista la contrarietà di Russia e Cina a un intervento, difficilmente le Nazioni Unite potranno dare la loro copertura. La Nato, se e quando agirà, punta a farlo con l’accordo di Lega Araba e Unione Africana. L’Europa, per ora, si limita a ricevere a Strasburgo i rappresentanti dei comitati ribelli che chiedono un appoggio più esplicito e concreto.