ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

UE: accertare violazione diritti umani in Libia

Lettura in corso:

UE: accertare violazione diritti umani in Libia

Dimensioni di testo Aa Aa

Tentare tutte le vie diplomatiche e accertare le reponsabilità nelle violazioni dei diritti umani in Libia, prima di ogni intervento militare. È la posizione dell’Unione Europea.

Reduce da Tripoli, Agostino Miozzo, l’italiano che ha guidato la delegazione tecnica inviata da Catherine Ashton, dichiara: È indispensabile avere la certezza sulle responsabilità. È per questo che gli ambasciatori chiedono un’indagine indipendente”.

Per non assecondare gli interessi di chi vuole solo mettere le mani sul petrolio libico, gli ambasciatori e i diplomatici europei hanno sollecitato a Tripoli una missione indipendente Onu-Ue. “Le sanzioni sono state decretate, decise”, dice Miozzo, “Personalmente ritengo che prima di decidere altri tipi di intervento sia necessario verificare, sondare, applicare tutte quelle possibilità che sono politico-diplomatiche”.

La missione nella capitale libica, di carattere tecnico e non politico, è durata tre giorni. “In questo momento otto ambasciate europee sono ancora accreditate presso quel governo”, dichiara Miozzo, “Quindi quel governo in qualche modo è un interlocutore obbligato”.

L’Alto Rappresentante per la Politica Estera europea Catherine Ashton ha inviato la delegazione in Libia per avere informazioni di prima mano, da presentare venerdì prossimo al Consiglio europeo straordinario.