ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

L'opposizione su Gheddafi: "Salvacondotto solo se lascia e va in esilio"

Lettura in corso:

L'opposizione su Gheddafi: "Salvacondotto solo se lascia e va in esilio"

Dimensioni di testo Aa Aa

L’opposizione libica non darà seguito ad alcuna iniziativa giudiziaria nei confronti del colonnello Muhammar Gheddafi se quest’ultimo accetterà di dimmettersi e lasciare il paese.
 
Lo ha detto a euronews Sulayman Karim, membro del Consiglio nazionale libico, l’organismo transitorio guidato dall’ex ministro della Giustizia del regime, Mustafa abd al-Jalil. 
 
“Non accettiamo di trattare con Gheddafi, a meno che non si dimetta. Se lo farà avrà garantita la sicurezza personale e quella dei suoi familiari. Nei prossimi giorni vedremo se metterlo sotto inchiesta per essersi appropriato per quaranta anni del denaro del popolo libico, o per i suoi crimini. Anche se questo è un aspetto che lasciamo alla Corte penale internazionale”.
 
Netta la replica del governo libico. Un portavoce del ministro degli Esteri ha negato offerte di una trattativa da parte di Gheddafi e ha bollato le accuse del comitato creato dagli insorti come affermazioni che “non meritano alcuna reazione”.