ULTIM'ORA

Lettura in corso:

La battaglia continua intorno a Bin Jawad


Libia

La battaglia continua intorno a Bin Jawad

Si combatte fuori da Bin Jawad, la città costiera nell’est della Libia che le milizie di Gheddafi hanno strappato ai ribelli.

Bin Jawad si trova sulla strada per Sirte, città natale del colonnello: gli insorti devono riprenderla, per proseguire l’avanzata verso ovest. Ci erano già riusciti sabato, ma a presidiarla avevano lasciato soltanto alcuni combattenti, che domenica mattina si sono fatti sopraffare dai lealisti.

Da Ras Lanuf, che si trova poco più a est, la giornalista Francesca Cicardi ci racconta che lì continuano ad arrivare i feriti della battaglia di Bin Jawad. “Dai racconti dei ribelli – dice – a Bin Jawad ci sono dei cecchini appostati sui tetti che sparano a tutti, comprese donne e bambini che passano in strada. I ribelli tornano feriti, ma con le armi in pugno e facendo il segno della vittoria. A Ras Lanuf, si radunano gli uomini e si distribuiscono le armi, nonostante i ripetutti attacchi dell’aviazione, che tuttavia non hanno centrato alcun obiettivo. I caccia sembrano voler soltanto intimidire, ma i ribelli continuano ad affermare che arriveranno fino a Sirte e che la faranno finita con il regime di Gheddafi”.

Appena fuori da Ras Lanuf, gli insorti mostrano i resti di quel che dicono essere un caccia militare che la loro contraerea avrebbe abbattuto durante gli scontri di sabato. A terra, anche i corpi dei due presunti piloti.

Ogni storia può essere raccontata in molti modi: osserva le diverse prospettive dei giornalisti di Euronews nelle altre lingue.

Prossimo Articolo

mondo

Bahrain, in migliaia chiedono dimissioni del premier