ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Afghanistan, proteste contro Nato per vittime civili

Lettura in corso:

Afghanistan, proteste contro Nato per vittime civili

Dimensioni di testo Aa Aa

Sono scesi in strada in centinaia, a Kabul, per protestare contro le vittime civili delle operazioni Nato in Afghanistan.

L’ultimo episodio risale a mercoledì scorso ed è costato la vita a nove bambini. Vittime che si aggiungono alle molte provocate dagli attentati dei taleban.

Un prezzo che gli afghani non vogliono più continuare a pagare.

“Le forze americane uccidono persone innocenti e poi chiedono scusa. Non vogliamo le loro scuse, vogliamo giustizia”.

Che le scuse non sono più sufficienti lo ha detto anche il presidente afgano Karzai, ricevendo il generale Petraeus, comandante delle forze internazionali a comando Nato, venuto a scusarsi personalmente per il dolore arrecato alle famiglie delle vittime.

Le parole di Karzai indicano che i rapporti tra l’Afghanistan e la Nato stanno vivendo una fase di tensione. La questione era stata sollevata giorni fa da Karzai durante una visita a Londra, in video-conferenza con il presidente americano Obama.

A poco è servito che i vertici dell’Isaf rivedessero le procedure. Gli errori non sono diminuiti, come dimostra il raid aereo di mercoledì nella provincia orientale di Kunar. I nove bambini sono stati scambiati per terroristi e colpiti mentre cercavano legna in un bosco.