ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Migliaia di immigrati in fuga dalla Libia

Lettura in corso:

Migliaia di immigrati in fuga dalla Libia

Dimensioni di testo Aa Aa

Etichettati come mercenari al soldo di Gheddafi.

Tra le migliaia di profughi giunti negli ultimi giorni a Ras Jdir, la città tunisina a ridosso della frontiera con la Libia, vi sono numerosi uomini originari dell’Africa subsahariana colti di sopresa dalla rivolta e costretti a fuggire per evitare il peggio.

Ali è uno di loro. Ghanese, era arrivato in Libia a dicembre per lavorare in un cantiere

“Dicono che alcuni di noi sono stato arruolati per uccidere i civili ma non è assolutamente vero – spiega all’inviato di Euronews Jamel Ezzedini – siamo comunque dovuti scappare per metterci in salvo”

Ali a casa ha una moglie e tre figli che l’aspettano. E’ preoccupato per la fine che potrebbero fare i suoi connazionali che non sono riusciti ad attraversare la frontiera. Chiede alle organizzazioni internazionali di fare qualcosa per portar loro soccorso: “Mia moglie mi chiama ogni sera piangendo chiedendomi di tornare. Io mi appello alle Nazini Unite e all’Unione Europea perchè ci aiutino di rientrare nel nostro paese”

Dopo le esitazioni iniziali la macchina umanitaria si è messa in moto. Dall’aeroporto di Djerba sono partiti diversi aerei. All’aeroporto del Cairo, in Egitto, sono già arrivati diverse centinaia di egiziani che dalla Libia erano fuggiti in Tunisia