ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Libia: profughi al confine con la Tunisia

Lettura in corso:

Libia: profughi al confine con la Tunisia

Dimensioni di testo Aa Aa

Si fugge dalla Libia. Le agenzie per i rifugiati non nascondono la propria preoccupazione per la marea umana che si accalca al confine con la Tunisia. Impossibile fornire cifre esatte: ma potrebbero essere più di sessantamila le persone che tentano di uscire dal Paese. Per lo più migranti egiziani che lavoravano in Libia. Arrabbiati con il governo del Cairo, perché troppo lento nel rimpatriarli.

Dall’inizio della rivoluzione in Egitto inoltre le autorità libiche li hanno presi di mira perché li considerano responsabili della diffusione del ‘germe della rivolta’.

Le autorità tunisine intanto sono state elogiate dalla Commissione Europea per l’impressionante risposta che hanno saputo dare alla crisi e molti rifugiati ringraziano Tunisi per l’operatività.

Le autorità locali però devono gestire questo flusso improvviso di persone. Ouederni Rachid, della guardia nazionale tunisina, chiede apertamente aiuto: “Le condizioni delle persone sono molto difficili, sia a livello di alloggio che per il cibo. Faccio appello alla comunità internazionale perché invii navi e aerei per evacuare queste persone e per rimpatriarle nelle migliori condizioni possibili”.

Alcuni rifugiati, stremati dopo aver cercato di attraversare in preda al panico il confine, vengono presi in carico dal servizio medico d’emergenza. Così il medico tunisino AbdelJalil:“Il numero dei rifugiati continua ad aumentare. Non abbiamo cifre precise ma stanno arrivando a migliaia. Stiamo cercando di organizzare l’accoglienza medica dei malati”.

Per cercare di controllare il flusso, i passaporti vengono prelevati da una parte della frontiera e restituiti dall’altra.

Molte persone sono rimaste qui per diversi giorni in attesa di essere rimpatriate in Egitto.

Per qualcuno che è stato tanto fortunato da riuscire a imbarcarsi al porto di Zarzis, nel sud del Paese, altri da una settimana aspettano una nave che li riporti a casa. Questa mattina sono state caricate 750 persone. Altre imbarcazioni giungeranno in Tunisia nelle prossime ore.