ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Germania-Turchia: al CeBIT fiera delle polemiche

Lettura in corso:

Germania-Turchia: al CeBIT fiera delle polemiche

Dimensioni di testo Aa Aa

Il piccato botta e risposta fra Berlino e Ankara sull’immigrazione trasforma il CeBIT di Hannover in fiera delle polemiche.

Relegata in secondo piano la tecnologia a cui sarebbe dedicato l’appuntamento, l’attenzione è per l’eco delle affermazioni del premier Erdogan, secondo cui i turchi in Germania debbano “integrarsi ma non farsi assimilare”.

All’indomani, il cancelliere Angela Merkel sembra dapprima voler gettare acqua sul fuoco, sottolineando l’attenzione di Berlino e la volontà di confrontarsi con Erdogan. Poi però la stoccata: “Ritengo comunque fondamentale – dice – l’apprendimento della lingua tedesca”.

Un riferimento poco velato alle parole del collega: “I figli degli immigrati turchi in Germania – il suo intervento della discordia – dovrebbero imparare prima il turco che il tedesco.

Altra città, altro palcoscenico, poche ore dopo Erdogan torna a chiedere a Berlino di sostenere l’adesione della Turchia all’Unione Europea. Un’aspirazione, dice, che la Germania dovrebbe capire meglio di ogni altro paese.

E un’aspirazione, che pochi mesi dopo aver dichiarato il fallimento del “modello multiculturale tedesco”, la Merkel sembra ancora lontana dal recepire.