ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Fermento politico in Tunisia

Lettura in corso:

Fermento politico in Tunisia

Dimensioni di testo Aa Aa

Scosse di assestamento nel panorama politico tunisino dopo il terremoto della rivoluzione di piazza.

Si dimettono i ministri dell’Insegnamento Superiore e Ricerca Scientifica, Ahmed Ibrahim, e il ministro allo sviluppo regionale Ahmed Néjib Chebbi.

Lunedì avevano lasciato l’incarico altri due ministri e domenica se n’era andato anche il premier Mohammed Ghannouci.

Al suo posto il liberale Béji Caïd Essebsi, intenzionato a creare un Consiglio Costituzionale per emendare la Costituzione in vista delle elezioni, che si terranno al più tardi entro metà luglio.

Un altro segno dell’evoluzione politica in corso in Tunisia, è la legalizzazione del movimento islamico Ennahda, avvenuta esattamente un mese dopo la richiesta, il primo febbraio, e 30 anni di repressione sotto il regime del presidente caduto Ben Alì.