ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Libia, rivoltosi controllano Zawia, Gheddafi Tripoli

Lettura in corso:

Libia, rivoltosi controllano Zawia, Gheddafi Tripoli

Dimensioni di testo Aa Aa

La resa dei conti è sempre piú vicina. Zawia, città a una ventina di chilometri da Tripoli, è in mano ai ribelli. Migliaia di uomini manifestano nella piazza principale gridando slogan contro Gheddafi. I rivoltosi possiedono armi e carri armati, forse sottratti all’esercito o, secondo alcune fonti, consegnati dai disertori.

Non è chiaro il ruolo dell’esercito, che sarebbe schierato tutto intorno alla città. Le prossime ore saranno forse decisive. I militari potrebbero tentare un nuovo assalto a Zawia per difendere la vicina Tripoli, oppure le defezioni tra i soldati potrebbero estendersi, aprendo la strada a una spallata definitiva al regime.

Mentre nell’est del Paese, a Bengasi, l’opposizione ha formato un governo alternativo, guidato dall’ex ministro della giustizia, a Tripoli è stata una giornata apparentemente calma. La capitale rimane sotto il controllo dei fedelissimi di Gheddafi, ma gli scontri hanno lasciato il segno, soprattutto in alcuni quartieri.

I pochi presenti nelle strade ostentano il loro sostegno al leader. Un uomo dichiara: “Vogliono dividere il Paese, ma noi non abbiamo problemi tra noi, le tribú in Libia sono un’unica famiglia. La Libia è unita. Non si ottiene nulla cosí. Guardatevi intorno, guardate le rovine.”

L’immagine di Gheddafi domina la città, ma nessuno sa per quanto tempo ancora.