ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Francia: dimissioni prossime per Michelle Allio-Marie

Lettura in corso:

Francia: dimissioni prossime per Michelle Allio-Marie

Dimensioni di testo Aa Aa

Michelle Alliot-Marie a casa: lo chiede la maggioranza dei francesi, secondo un recente sondaggio, e accadrà, a breve. Entro lunedì, secondo voci insistenti. L’attuale ministro degli esteri francese è sotto pressione da tempo, prima per aver offerto l’aiuto francese per il controllo delle manifestazioni in Tunisia, poi per esser stata ospite sul jet privato di un imprenditore molto vicino all’allora presidente Ben Ali, a rivolta già iniziata.

“Il mio motto è lavora bene e lascia che parlino – ha detto la Alliot-Marie -: è vero che si sentono voci e polemiche da settimane, sono sono attacco, ma ho chiarito, non ci sono azioni illegali, nè errori particolari”

In realtà è di una serie di errori che la si accusa: a partire dal viaggio sul jet dell’imprenditore tunisino, rivelato dal Canard enchainé. Ma paga anche gli errori della diplomazia, di un ambasciatore a Tunisi che non aveva capito la crisi, delle gaffes con le quali si è presentato il suo sostituto, subito entrato in urto con i tunisini. Ora l’attacco continua con la rivelazione di affari intercorsi tra il miliardario, Aziz Miled, e i genitori del ministro, per restare in campo tunisino, ma le contestazioni toccano ormai tutti i capitoli dell’attività del ministro.

Sarà probabilmente sostituita da Alain Juppé, attualmente alla difesa. Ma Sarkozy, anche per non mettere tutto il carico su Michelle Alliot-Marie e non ammettere quindi una sconfitta, a un anno dalle presidenziali, starebbe pensando a un rimpasto più ampio, che riguarderebbe anche il ministero degli Interni.