ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Irlanda alle urne. L'austerity alla prova del voto

Lettura in corso:

Irlanda alle urne. L'austerity alla prova del voto

Dimensioni di testo Aa Aa

La draconiana austerity di Dublino oggi alla prova delle urne. A dominare la campagna elettorale per il rinnovo della Camera alta del Parlamento, le contestatissime politiche di rigore introdotte dal governo uscente di Brian Cowen, come contropartita del prestito da 85 miliardi di euro, accordato da Unione Europea e Fondo Monetario Internazionale. Condizioni da molti considerate punitive, che sembrano ora condannare il suo Fianna Fail.

Dopo 14 anni all’opposizione, i sondaggi danno per certo vincitore il Fine Gael dell’outsider Enda Kenny: ex maestro elementare, che ha costruito rimonta e popolarità sulle promesse di rinegoziare i tassi di un prestito da lui giudicato “capestro”.

Linea che dovrà fare i conti con quella, più intransigente, dei probabili futuri partner di governo laburisti. Fuori dai giochi pare già invece il Fianna Fail.

Fatali potrebbero essergli soprattutto la difesa a spada tratta delle politiche di austerity e l’ancora più impopolare disponibilità a operare ulteriori tagli da 9 miliardi alla spesa pubblica entro il 2014.