ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

"Gheddafi pronto a tutto". Bengasi sfiorata dalle bombe

Lettura in corso:

"Gheddafi pronto a tutto". Bengasi sfiorata dalle bombe

Dimensioni di testo Aa Aa

Un tuffo col paracadute, per non bombardare i manifestanti. A poche ore dai due caccia che hanno fatto rotta su Malta, la fronda dell’aeronautica militare libica prosegue con la vicenda di un pilota e un copilota, che hanno abbandonato il proprio apparecchio in volo, piuttosto che bombardare la città di Bengasi. Il punto da un testimone sul posto.

“Alcuni aerei – ci racconta al telefono – hanno attaccato diverse località nei dintorni di Bengasi. Luoghi disabitati, però. Non hanno bombardato la base militare, per esempio, ma un campo minato non molto distante. Dopo l’ultimo discorso di Gheddafi avevamo non pochi timori, perché è ormai chiaro che è pronto a tutto. Per il potere non esiterebbe a uccidere ancora e anche ad attaccarci con le armi chimiche. Lo conosciamo da tempo, ormai. Conosciamo le sue idee e sappiamo che è un malato che soffre di megalomania”.

xxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxx

(2) Un tuffo col paracadute, per non bombardare i manifestanti. A poche ore dai due caccia che hanno fatto rotta su Malta, la fronda dell’aeronautica militare libica prosegue con la vicenda di un pilota e un copilota, che hanno abbandonato il proprio apparecchio in volo, piuttosto che bombardare la città di Bengasi. Il punto da un testimone sul posto. (19/18)

(20) Alcuni aerei – ci racconta al telefono – hanno attaccato diverse località nei dintorni di Bengasi. Luoghi disabitati, però. Non hanno bombardato la base militare, per esempio, ma un campo minato non molto distante. (12/15)

(35) Dopo l’ultimo discorso di Gheddafi, avevamo non pochi timori, perché è ormai chiaro che è pronto a tutto. Per il potere non esiterebbe a uccidere ancora e anche ad attaccarci con le armi chimiche. Lo conosciamo da tempo, ormai. Conosciamo le sue idee e sappiamo che è un malato che soffre di megalomania.