ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

L'Unione si muove goffamente all'estero

Lettura in corso:

L'Unione si muove goffamente all'estero

Dimensioni di testo Aa Aa

La squadra europea, con il ministro degli Esteri Cathrine Ashton in testa, in azione in Egitto dopo le critiche sulla tardiva reazione di fronte alle rivolte che stanno attraversando i Paesi del Nord Africa.

La Baronessa ha dispensato sorrisi e aiuti e ha dichiarato che sono in corso negoziati per dare all’Egitto un miliardo di euro in più attraverso la Banca europea d’investimenti. Che è pronta a sostenere la riva sud del mediterraneo con 6 miliardi di euro.

Catherine Ashton:

“Come abbiamo sempre detto, vorremmo che i popoli di questi paesi fossero capaci di dire la loro sul proprio futuro, sul proprio destino, ma dirlo in maniera pacifica. Essere qui in Egitto è un esempio di come questo possa essere fatto”.

Per la settimana prossima la Ashton ha convocato una conferenza internazionale in cui si cercherà di trovare una risposta globale agli eventi che stanno interessando il nord Africa.

Iniziative che non mettono a tacere le polemiche.

Michael Emerson, analista del Centre for European Policy Studies:

“Si tratta di un punto di svolta per la politica europea e se questi Paesi vogliono dotarsi di un governo che abbia legittimità, di uno stato di diritto e vogliono rispettare i diritti umani, l’Unione europea deve sostenerli “.

Ultimo incidente diplomatico tra i 27 ha visto protagonista il premier britannico David Cameron, che in un eccesso di zelo, ha rubato la scena politica alla baronessa recandosi in egitto un girono prima. Cathrine Ashton era accreditata da tutti come la prima politica di spicco che si sarebbe recata in visita nel Paese.