ULTIM'ORA

Lettura in corso:

Giappone. Stop a caccia balene dopo azioni Sea Shepherd


Giappone

Giappone. Stop a caccia balene dopo azioni Sea Shepherd

Il Giappone sospende temporaneamente la caccia alle balene nell’Antartico. Motivo ufficiale: le azioni di protesta dell’associazione ambientalista Sea Shepherd, ossia gli inseguimenti delle baleniere che gli attivisti compiono ogni anno per impedire la cattura dei cetacei.

Secondo Greenpeace il governo giapponese avrebbe deciso la sospensione per un’altra ragione, le scorte di carne di balena già massicce. Il Giappone potrebbe anticipare la chiusura della stagione, prevista a marzo.

“Consideriamo la persecuzione compiuta da Sea Shepherd assolutamente deplorevole”, dice un rappresentante del governo giapponese, “chiediamo a tutte le nazioni di prendere le misure necessarie contro di loro”.

Il Paese ritiene la caccia parte integrante della propria cultura e la giustifica nel nome della ricerca scientifica. Quella a scopi commerciali è vietata a livello internazionale dal 1986.

Ogni storia può essere raccontata in molti modi: osserva le diverse prospettive dei giornalisti di Euronews nelle altre lingue.

Prossimo Articolo

mondo

Egitto: i generali chiedono che si torni al lavoro