ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Emergenza migranti, Tunisia pronta a cooperare

Lettura in corso:

Emergenza migranti, Tunisia pronta a cooperare

Dimensioni di testo Aa Aa

Emergenza migranti, la Tunisia è pronta a cooperare ma dice no alla polizia italiana sulle sue coste e all’ingerenza nella sua poltica.

E mentre il ministro degli Esteri Franco Frattini e il suo omologo europeo Catherine Ashton incontrano oggi a Tunisi il premier Mohammed Gannouchi, a Lampedusa riaprono il centro di accoglienza chiuso da oltre un anno.

Con una capienza di 850 posti, ospita ora più di 2 mila persone.

Un ponte aereo è stato attivato per il trasferimento in altri centri e far fronte a un flusso che da giovedì ha portato 5 mila extracomunitari sull’isola situata a poche decine di chilometri dalle coste tunisine.

“Dopo tantissimi anni di presenza di Ben Ali, il popolo tunisino ha riconquistato la democrazia, che significa anche fatica e difficoltà”,

dice Daniela Pompei della comunità di Sant’Egidio, “Probabilmente, tra le persone che stanno giungendo oggi in Italia ci sono molti rifugiati veri e propri, moltissimi profughi”.

Per ora non ci sono altri barconi in arrivo,dice la Capitaneria di porto. E il previsto peggioramento delle condizioni del mare dovrebbe scoraggiare altri sbarchi.