ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Per la prima volta in trenta anni l'Egitto scopre la democrazia

Lettura in corso:

Per la prima volta in trenta anni l'Egitto scopre la democrazia

Dimensioni di testo Aa Aa

Entusiasmo dei manifestanti in piazza e primo avvio delle trattative politiche tra esercito e forze dell’opposizione. E’ trascorso così in Egitto il primo giorno senza Mubarak.

Dopo la rivolta pacifica, i gruppi che hanno popolato piazza Tahrir hanno formalmente chiesto al Consiglio militare la fine del trentennale stato d’emergenza, lo scioglimento del governo formato dal rais lo scorso 29 gennaio, e il ricorso a elezioni anticipate.

“La gente sa cosa cerca, e conta sull’aiuto dell’esercito. E’ necessario cambiare il governo, responsabile anche di torture”.

“La differenza la fa il popolo, come ha dimostrato in questi giorni Piazza Tahrir”.

Tolte le barricate e ripuliti gli spazi con l’opera dei volontari, la simbolica piazza della rivolta nel centro del Cairo è tornata a ospitare la musica. I gruppi che per tre settimane la hanno animata ora vogliono creare un Forum, per dare continuità alle richieste avanzate direttamente dal popolo.