ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Egitto, sospesa la costituzione e sciolte le camere

Lettura in corso:

Egitto, sospesa la costituzione e sciolte le camere

Dimensioni di testo Aa Aa

Le forze armate egiziane hanno iniziato a smantellare la struttura su cui si reggeva il potere dell’ex presidente Hosni Mubarak.

Il Consiglio supremo militare, che si è nominato garante della transizione democratica, ha sciolto il parlamento e sospeso la costituzione, in vista di emendamenti che saranno sottoposti a referendum.

Ha quindi indicato che dirigerà il paese per sei mesi, o fino a quando non si saranno svolte elezioni legislative e presidenziali.

L’annuncio risponde ad alcune delle principali richieste dei manifestanti che intanto hanno visto il ritratto dell’ex presidente venire rimosso dalla sala in cui si è tenuta la prima riunione di gabinetto dell’esecutivo guidato da Ahmed Shafik.

Il premier ha detto che il governo continuerà ad occuparsi degli affari correnti e ha tentato di rassicurare gli egiziani sulla solidità dell’economia, sostenendo che ci siano riserve sufficienti per i prossimi mesi. Ha però sottolineato i rischi che potrebbero derivare da un perdurare dell’instabilità sociale.

Insomma, le nuove autorità egiziane si sforzano di voltare pagina, dopo la rivolta popolare che ha messo fine all’era Mubarak e che ha di fatto paralizzato l’Egitto.

Il mercato azionario del Cairo, chiuso nelle ultime due settimane, dovrebbe riaprire mercoledì. La parola d’ordine è rimettere in moto l’economia e far tornare i turisti, la risorsa più preziosa.