ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Processo Tayolor. Il difensore boicotta l'accusa

Lettura in corso:

Processo Tayolor. Il difensore boicotta l'accusa

Dimensioni di testo Aa Aa

La difesa di Charles Taylor boicotta la requisitoria dell’accusa al Tribunale speciale per la Sierra Leone. L’ex presidente liberiano è sotto accusa per crimini di guerra e contro l’umanità in relazione alla presunta fornitura di armi al Fronte Unito Rivoluzionario durante il conflitto.

La protesta deriva dal rifiuto da parte della Corte di mettere agli atti documenti presentati fuori tempo massimo:

“Come verrà giudicata in futuro la credibilità di questa Corte – dice l’avvocato Courtenay Griffiths -visto che all’ultimo momento ha impedito a Charles Taylor di presentare il 90% delle sue argomentazioni finali che sono all’interno di questi documenti?”

Il legale di Taylor chiedeva di mettere agli atti alcune rivelazioni di Wikileaks secondo le quali il processo avrebbe motivazioni politiche. Dai messaggi dell’ambasciata statunitense a Monrovia si evincerebbe, secondo l’avvocato Griffiths, che Washington e Londra volevano mettere fuori gioco l’ex presidente liberiano.

Fra il 1991 e il 2001, la guerra civile in Sierra Leone ha provocato almeno 200mila morti.