ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

"I Fratelli Musulmani una minoranza imprescindibile"

Lettura in corso:

"I Fratelli Musulmani una minoranza imprescindibile"

Dimensioni di testo Aa Aa

Componente politica imprescindibile, ma anche minoranza. Analista al centro di studi politici Al-Ahram del Cairo, Amr Echchoubaki ridimensiona e legittima il possibile ruolo dei Fratelli Musulmani nell’Egitto di domani. Quello della minaccia fondamentalista, dice poi, non è che uno spauracchio costruito ad arte per illudere l’Occidente che non vi siano alternative a Mubarak.

Fawzi Sadallah. euronews

“Le misure annunciate dal vice-presidente egiziano Omar Suleiman per emendare la Costituzione avranno un futuro? E soprattutto, riusciranno a convincere l’opposizione?”.

Amr Echchoubaki

“Questo dipende da come il regime interpreterà questa commissione o altre misure. Il problema è che non c‘è più fiducia nella sua capacità di portare avanti delle riforme sotto l’egida di Mubarak. Il problema è che non c‘è più fiducia nella capacità di questo regime di portare avanti riforme politiche sotto l’egida di Mubarak. E non c‘è fiducia nel fatto che questa commissione miri ad essere un passo verso il cambiamento, piuttosto che uno stratagemma per prendere tempo e rinviare la soluzione dei problemi, come sempre fatto da Mubarak negli ultimi trent’anni”.

euronews

“Moubarak non abbandona il potere. Tenendo conto del fatto che un suo pilastro fondamentale è l’esercito, che ruolo stanno giocando le forze armate in questo braccio di ferro tra il presidente e i manifestanti?”.

Amr Echchoubaki

“Penso che fino a questo momento l’esercito sia rimasto neutro. Protegge le istituzioni pubbliche e difende la legittimità. Direi che finora sembra aver accettato che la legittimità stia dalla parte della piazza e dei manifestanti, mentre quella del presidente Moubarak è crollata. In ogni caso, le forze armate restano un pilastro dello stato, e gli egiziani sono unanimi nel riconoscere la necessità di smantellare il regime e cacciare il presidente, senza tuttavia minare lo Stato e l’esercito, aprendo la strada al caos, già vissuto in Iraq”.

euronews

I Fratelli Musulmani sono visti oggi come uno spauracchio da alcune potenze straniere. Quale ruolo giocheranno nella costruzione dell’Egitto di domani?

Amr Echchoubaki

“I Fratelli Musulmani sono parte integrante dell’attuale panorama politico egiziano. Fare i conti con loro è imprescindibile. Sicuramente ci sono degli impegni che dovranno rispettare, per dimostrare che si attengono alle regole dello Stato e della democrazia. Fra l’altro, la creazione di un partito politico che si impegni a rispettare la costituzione e la repubblica. In passato, il regime ha impedito ai Fratelli Musulmani di dare vita a un simile partito, proprio per agitarli come spauracchio di fronte all’Occidente e agli Stati Uniti, facendo così credere che Mubarak fosse l’unica alternativa possibile. Una prospettiva, invece, chiaramente falsa. Questa rivoluzione ha mostrato l’esistenza di una terza via, che rappresenta la maggioranza degli egiziani. Persone che vogliono vivere semplicemente con dignità e dare vita a uno stato democratico e moderno, sull’esempio di tanti altri paesi. I Fratelli Musulmani non sono che una corrente di questo movimento. E credo ne rappresentino il 15-20% al massimo”.