ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Egitto: aperture insufficienti per Fratelli Musulmani

Lettura in corso:

Egitto: aperture insufficienti per Fratelli Musulmani

Dimensioni di testo Aa Aa

Egitto giorno 14 della rivoluzione anti-Mubarack. Mentre le proteste continuano si sono aperti ieri i primi negoziati. Le bestie nere degli Stati Uniti, i Fratelli Musulmani, erano al tavolo avviato dal Vice presidente Omar Suleiman. Da Washington Barack Obama reagisce minimizzando il ruolo del partito islamico radicale.

Intanto la piazza Tahrir celebra i suoi martiri e si consolida: il neonato gruppo dei “giovani rivoluzionari in collera” promette di non lasciare finchè il Presidente non si sarà dimesso. Ma è proprio questo il rifiuto che porta i Fratelli Musulmani a definire insufficienti le proposte del governo per una transizione guidata che prevederebbe le riforme entro marzo ma senza la dipartita di Mubarack prima della fine del processo.